Precedente Avanti

VOYERISMO: IL PIACERE DI GUARDARE

Giuseppe Fittipaldi, Matilde Banfi Valsecchi, Marie Noelle Saffo, Federico Dosi

Il lavoro nasce dalla lettura del saggio antropologico ‘’torture con spettatore’’ di Pietro Meloni. Il progetto si concentra sulla parola voyerismo e sui vari significati che può avere. Dal francese voyeur, “colui che guarda”, questa parola inizialmente era dotata di un’accezione esclusivamente sessuale, tanto da venir definita anche come ‘’scopofilia’’. Questo disturbo ha una matrice prettamente maschile e deriva dal piacere provocato dalla paura di essere visti. Nel corso del tempo il voyerismo si discosta da questo significato e inizia ad essere usato in altri termini, spesso riguardanti anche la fotografia. Lo scopo del progetto è proprio mettere in evidenza i vari significati della parola attraverso un libro d’artista ‘’comune’’. All’interno di quest’ultimo ci sono diverse rappresentazioni realizzate con la fotografia, disegno, collage ed estrapolazioni di frame del film ‘’La finestra sul cortile’’ di Hitchcock. Le diverse tecniche utilizzate vanno a descrivere i diversi significati attribuiti. All’interno del libro vi sono la presenza del fotografo (voyeur per eccellenza), la sfera sessuale, il potere mediatico e la partecipazione dello spettatore (voyeur) al dolore.