Matteo Crespi, The sound of the forest

Matteo Crespi, The sound of the forest, 2021
Video a colori, durata 3’

 

Bosco e musica, un pianoforte digitale e una melodia malinconica e nostalgica , da dove provenga
non si sa. Attraverso una soggettiva ci si immerge nel paesaggio alla ricerca della musica, fino a
trovare l’autore della melodia, che, come segno di chiusura, conclude definitivamente il suo brano.

 

Matteo Crespi, The sound beyond the wall, 2021


La performance ha luogo all’esterno, in uno spazio nascosto a cui gli spettatori non possono
accedere direttamente. Possono soltanto cercare la fonte del suono e avvicinarsi ad ascoltare una
melodia malinconica e nostalgica, suonata dal vivo.


Matteo Crespi (Bergamo, 1998) si è diplomato presso il Liceo Betty Ambiveri di Presezzo.
Attualmente frequenta il terzo anno dell’indirizzo Pittura e Arti Visive presso l’accademia di Belle
Arti Giacomo Carrara.
Tra i suoi interessi musica, immagine e il loro rapporto.